Single Blog Title

This is a single blog caption

Verso Poggibonsi-Arezzo, Sussi: ‘Settimana intensa, massimo impegno da parte dei ragazzi’

Andrea Sussi si prepara al debutto sulla panchina della prima squadra. L’Arezzo domani alle 14:30 sarà di scena a Poggibonsi e il tecnico del Cavallino ha presentato così l’incontro.

È stata una settimana intensa ed importante – ha confessato Andrea Sussi – Ho cercato di trasmettere alla mia squadra la mia idea di gioco e devo ringraziare i giocatori per la disponibilità che mi hanno dato. Le assenze di Strambelli e Mancino sono importanti, così come quella di Ruggeri, ma queste non devono diventare un alibi. Durante un campionato è normale avere alcune defezioni anche importanti ma la squadra non si deve mai far condizionare ed imporre il proprio gioco. L’Arezzo è una squadra importante che sa alla perfezione qual è il proprio obiettivo finale quindi sono sicuro che chi andrà in campo risponderà presente e darà più del massimo per portare a casa il risultato pieno. Tutta la rosa si deve sentire partecipe del progetto e la mia speranza è che nel giro di due o tre settimane tutto il gruppo abbia assimilato cosa voglio da loro e quale deve essere la giusta mentalità‘.

LA FORMAZIONE. ‘Partiremo con il 4-3-3 ma abbiamo studiato anche alcune alternative che ci possano far variare assetto in corsa. È chiaro che il mio concetto di gioco prevede l’utilizzo delle ali ma anche giocare con il trequartista può essere una soluzione valida. In rosa abbiamo due o tre elementi che possono fare bene sia da trequartisti che da esterni e quindi chi giocherà domani sarà pronto a fare quello che ho spiegato in settimana. Foggia e Sparacello sono entrambi due centravanti adatti alla mia idea di calcio. Sono bravi a far salire la squadra, a venire incontro e aripulirela palla. Entrambi hanno capito alla perfezione cosa voglio da loro e sono contento così. Marras è un giocatore molto duttile ma per me è importante farlo giocare vicino alla porta per sfruttarne le qualità. Aliperta nel mio modulo ha un ruolo chiave: dovrà toccare molti palloni e far correre la palla veloce. Lui ha tecnica e qualità quindi può tranquillamente svolgere questo compito. La formazione ce l’ho in testa ma la tengo per me, non voglio dare vantaggi a nessuno‘.

L’AVVERSARIO. ‘Il Poggibonsi è una squadra giovane che viaggia sulle ali dell’entusiasmo. Hanno corsa, solidità difensiva e buone individualità davanti, penso a Regoli e Riccobono. Dovremo essere corti e compatti in fase di non possesso e bravi a far ripartire l’azione in velocità con continui cambi di gioco‘.

Guarda la gallery

X